xweb fullscreen

My life

Seduto davanti al suo portone c’è Illio, un simpatico signore appoggiato al suo bastone, mi vede, mi chiama, mi invita calorosamente ad entrare nella sua umile abitazione. I suoi occhialoni da sole penzolanti al collo ne fanno già un personaggio, un’uomo da scoprire, ma non c’è nessun problema è lui stesso che mi apre letteralmente il “libro della sua vita”, pochi elementi descrivono già la sua grandezza.

Sitting in front of his door is Illio, a nice gentleman leaning on his staff, he sees me, calls me, asks me warmly to enter his humble home. His goggles sunglasses hanging around his neck already make a character, a man to be discovered, but there is no problem is he himself who I literally opens the “book of life”, a few elements already describe his greatness.

11 Commenti

  1. Alberto Polonara
    1 febbraio 2013 at 11:30 · Rispondi

    Bel lavoro, complimenti

    • Gianluca
      1 febbraio 2013 at 11:34 · Rispondi

      Grazie, è un lavoro a cui tengo molto.

  2. Giovanni D'Eboli
    1 febbraio 2013 at 11:40 · Rispondi

    Proprio il tipo di lavoro che piace a me…
    Complimenti, sviluppato egreggiamente

    • Gianluca
      1 febbraio 2013 at 11:45 · Rispondi

      Raccontare storie attraverso immagini fotografiche mi appassiona molto…grazie!

  3. romina
    1 febbraio 2013 at 18:10 · Rispondi

    Nel teatro della vita i ricordi ci sostengono e come un bastone ci sorreggono…sempre… E noi inconsapevoli attori li rappresentiamo e a volte li condividiamo…
    Stupendo quell’”altarino”, chi non ne ha uno…anche solo nella mente…

    Emozionante

    • Gianluca
      2 febbraio 2013 at 14:39 · Rispondi

      Illio è stato veramente un mito con la sua esuberante vitalità ed allegria, mi ha accolto come fossi uno di casa e mi ha raccontato le sue imprese con orgoglio…che forza.

  4. teofilo
    3 febbraio 2013 at 12:46 · Rispondi

    Gianluca perché non pubblichi le immagini separatamente, migliorandone, con ciò, la visibilità? Nel formato francobollo è come sentire la musica da una stanza chiusa al piano di sotto; è come vedere un film con il microscopio………..

  5. teofilo
    4 febbraio 2013 at 00:00 · Rispondi

    Mi piace la tecnica narrativa dove Illio è più evocato che mostrato; salvo a comparire nel finale, dietro un sipario, con tutta la sua vitalità; ricordandoci che non vive solo di ricordi ma sorride nel suo presente.
    Mi ricorda un amico musicista, Amadeus, che, nella fusione continua tra arte e gioco, faceva entrare in scena i personaggi solo attraverso la melodia che li rappresentava…..

    • Gianluca
      4 febbraio 2013 at 20:50 · Rispondi

      Coinvolgente ed emozionante, un dietro le quinte della sua vita…

    • 11 maggio 2017 at 02:37 · Rispondi

      HA! Glad you are going. I just wish I could bring myself to care more about the fucked up way that mothers (and mommy blgergos) are viewed – care enough to try to do something about it besides write. I’m a lousy activist, so I’m glad people like you have the energy and the drive (and loads of talent, of course). Cheers!

    • 31 maggio 2017 at 17:28 · Rispondi

      Izan dit :Ça c’est du tuto rien a dire toujours au topÀ oui depuis le jailbreak l’appli IBOOKS ne fonction plus crash dé sont lancement je sui le seul ou quoi ?

Lascia un Commento

*