Sacri ricordi fullscreen

Sacri ricordi

Voglio proporre un’altra immagine legata allo scorrere del tempo, ma di tutt’altro significato. E’ un vecchio scatto fatto all’eremo dei frati bianchi a Cupramontana – http://www.eremo.net -, posto a dir poco enigmatico ed affascinante, ora totalmente ristrutturato. Invito ancora a commentare l’immagine e condividere i vostri pensieri  e, perché no, le vostre emozioni.

I want to propose another image related to the passage of time, but of an entirely different meaning. It ‘s an old hermitage shot made of white friars in Cupramontana – http://www.eremo.net -, place to say the least, enigmatic and fascinating, now fully restored. Invitation to comment on the still image and share your thoughts, and why not, your emotions.

6 Commenti

  1. romina
    29 ottobre 2012 at 13:50 · Rispondi

    Questa volta la lettura si fa difficile… e’ come se l’autore ci spingesse a riflettere. La figura bianca non e’ li tanto per… ma il suo essere evanescente e il suo traslare in un punto ben preciso di questo luogo sacro e’ molto enigmatico; la vedrei bene a una puntata di MISTERO. Cmq il luogo sacro pur essendo stato in balia del tempo e dei suoi effetti mantiene viva la presenza forse di chi lo visse coi sui pensieri….La chiave del mistero potrebbe essere IL TEMPO PASSA MA LA MEMORIA RESTA…. La mia emozione e’ quella di aver visto in quella figura bianca Papa Giovanni PAOLO … GRAZIE

  2. Gianluca
    29 ottobre 2012 at 16:08 · Rispondi

    Sono lusingato, il figurante in tonaca bianca sono io in un autoscatto, se suscita un tale pensiero, ho raggiunto il mio obbiettivo piu’ importante cioe’ emozionare. Questo per me e’ sufficiente tutto il resto passa in secondo piano. Grazie Romina.

  3. 31 ottobre 2012 at 18:18 · Rispondi

    Ciao Gianluca, bello lo scatto, anche a me l’immagine mi porta a qualcosa di misterioso e soprattutto al trascorrere del tempo. Sai che conosco molto bene questo posto, la cappellina è dedicata a san Giuseppe, ricordo molto bene oltre 40 anni fà con un amico di infanzia ci calammo nella botola in mezzo la stanza, il mio amico nel buio raccolse qualcosa portandolo all’esterno si accorse di aver preso un femore e un cranio, naturalmente rimessi subito al suo posto.
    Sempre suggestive le tue foto.

    • Gianluca
      31 ottobre 2012 at 18:45 · Rispondi

      Grazie Vincenzo, è preziosa la tua testimonianza, certamente rende ancora più mistico e suggestivo il luogo.

  4. Simone Plebani
    1 novembre 2012 at 21:59 · Rispondi

    Non conosco il posto ma dalla foto si percepisce del misticismo, mi trasmette un senso di aldilà, probabilmente dovuto alla tunica bianca o all’ambiente religioso…ottimo lavoro.
    Mi hai intrigato ad andare a visitare il sito, prima o poi ci farò un salto.

    • Gianluca
      2 novembre 2012 at 06:49 · Rispondi

      Esatto, è proprio quello che il luogo trasmette, forse proprio il fatto di essere sconsacrato da un tono ancora più enigmatico e misterioso.

Rispondi a Simone Plebani Cancella Risposta

*